valenzateatro-apre
venerdì 30 ottobre 2020

 

Francesca Reggiani - Massimo Olcese - Francesco Leineri

valenzateatro-apre

Souvenir

La Fantasiosa vita di Florence Foster Jenkins

di Stephen Temperley
traduzione Edoardo Erba
regia Roberto Tarasco
produzione Infinito Teatro
co-produzione Argot Produzioni 

Una commedia esilarante, irresistibile in equilibrio fra talento e passione.

Ispirata alla vera Florence Foster Jenkins, la commedia racconta della ricca signora  dell'alta società newyorkese, anima di un circolo di amanti di bel canto, che nel 1944 si esibì al Carnegie Hall la più importante sala da concerto di New York, un tempio della musica classica.

Un concerto così atteso che i biglietti vennero esauriti con settimane di anticipo. 

Florence era famosa per la completa mancanza di doti canore: il senso del ritmo le era totalmente estraneo e concepiva intonazioni assolutamente bizzarre.

In arte la passione, se brutalmente sincera, trasforma in capolavoro anche un’esibizione disastrosa.

Il 25 ottobre 1944 il suo "talento" divenne di dominio pubblico: ecco cosa accadde…

 

Alla vicenda si ispira il film biografico Florence, diretto da Stephen Frears nel 2016 e interpretato da Meryl Streep, Hugh Grant e Simon Helberg, che ha raccolto svariati riconoscimenti e nomination agli Oscar e ai Golden Globe.

sabato 14 novembre 2020

Gianmarco Busetto

valenzateatro-apre

9841/Rukeli

di Gianmarco Busetto

suoni Enrico Tavella
luci Leonardo Fol / Giorgia Cabianca
regia tecnica / Marco Duse
graphic project Marina Renzi
regia Enrico Tavella / Gianmarco Busetto
produzione Farmacia Zoo: È nell'ambito della rassegna Concentrica

Una commedia esilarante, irresistibile in equilibrio fra talento e passione.

Ispirata alla vera Florence Foster Jenkins, la commedia racconta della ricca signora  dell'alta società newyorkese, anima di un circolo di amanti di bel canto, che nel 1944 si esibì al Carnegie Hall la più importante sala da concerto di New York, un tempio della musica classica.

Un concerto così atteso che i biglietti vennero esauriti con settimane di anticipo. 

Florence era famosa per la completa mancanza di doti canore: il senso del ritmo le era totalmente estraneo e concepiva intonazioni assolutamente bizzarre.

In arte la passione, se brutalmente sincera, trasforma in capolavoro anche un’esibizione disastrosa.

Il 25 ottobre 1944 il suo "talento" divenne di dominio pubblico: ecco cosa accadde…

 

Alla vicenda si ispira il film biografico Florence, diretto da Stephen Frears nel 2016 e interpretato da Meryl Streep, Hugh Grant e Simon Helberg, che ha raccolto svariati riconoscimenti e nomination agli Oscar e ai Golden Globe.

venerdì 20 novembre 2020

Massimo Cotto - Mauro Ermanno Giovanardi - Chiara Buratti - Francesco Santalucia

valenzateatro-apre

Decamerock

di Massimo Cotto
regia Roberto Tarasco
produzione Nidodiragno/CMC – G.RO di Romeo Grosso

 

Il questo nuovo progetto Massimo Cotto, giornalista e voce nota di Virgin Radio, esplora mondi, personaggi, disastri dell’universo maledetto del rock trovando un perfetto compagno di ventura in Mauro Ermanno Giovanardi, ex voce dei La Crus e figura di riferimento nel mondo pop-rock. Con loro in scena l’attrice e conduttrice televisiva Chiara Buratti e Francesco Santalucia, giovane e affermatissimo compositore e polistrumentista.

 

Il filo conduttore dello spettacolo porta ad una donna misteriosa vera musa ispiratrice della piece, attraverso storie, fantasmi e canzoni: vicende rock, molto nere, ma capaci di raccontarci talenti ed umanità straordinarie ed universali.

Sono tracce di vite maledette e affascinanti. storie di fortune e sconfitte, tragedie e amori, rivolte e omicidi, rovinose cadute e incredibili resurrezioni, passioni sregolate e altri eccessi. Da Nicolò Paganini a Piero Ciampi, da Brian Jones a Nick Drake fino ad eroi sportivi come Ezio Vendrame con digressioni letterarie da Hemingway di Festa Mobile a Melville ed il suo Moby Dick.

 

Decamerock. Ribellioni, amori, eccessi dal lato oscuro della musica è il libro pubblicato da Marsilio che raccoglie centouno storie rock: storie mai raccontate si affiancano a episodi epici perché «il rock racconta e si racconta non solo nelle canzoni, nelle trame e nei personaggi, ma anche attraverso le parole delle rockstar quando sono lontane dal palco».

sabato 21 novembre 2020

Tessarollo Tavolazzi Zirilli Trio

valenzateatro-jazz
Luigi Tessarollo, chitarra
Ares Tavolazzi, contrabbasso
Enzo Zirilli, batteria
a cura dell’associazione Amici del jazz di Valenza


Il chitarrista Luigi Tessarollo è una figura di spicco nel panorama jazz nazionale, ha tenuto concerti a New York e Boston, in molti Jazz Festival internazionali e nei più prestigiosi Festival Jazz italiani.
 
Questa volta si esibisce per la platea valenzana con il contrabbassista Ares Tavolazzi, già con gli Area e accompagnatore di molte stelle della musica italiana, e con il batterista Enzo Zirilli, che ha al suo attivo una serie sterminata di collaborazioni nazionali ed internazionali, dall'ambito pop a quello jazz.
 
Per questo concerto Tessarollo unisce due sue dimensioni artistiche: quella di arrangiatore di brani Italiani, esperienza sfociata nella produzione dell’Italian Standards Trio e del CD con Mattia Cigalini Italian Melodies in Jazz, e quella di compositore che ha concretizzato con la pubblicazione su cd di circa 80 sue composizioni e rielaborazioni originali.
 
Il set del live di Valenza sarà diviso in una prima parte di note melodie italiane arrangiate in chiave squisitamente jazzistica e composizioni scelte tra la vasta produzione di Luigi Tessarollo: un repertorio vario e accattivante che conquisterà il pubblico.


sabato 5 dicembre 2020

 

Silvia Bisio - Laura Gualtieri - Emiliana Illiani -
Laura Marchegiani - Daniela Tusa

valenzateatro-apre

L’amore capovolto

quattro donne, una madre, un addio, un ritorno

scritto e diretto da Daniel Gol
produzione Teatro Distinto

 

Quattro figlie, quattro lingue diverse, una madre che comunica la propria morte in un congedo netto, quasi beffardo. Un annuncio che segna il passaggio tra un prima e un interminabile dopo, tra il quotidiano e l’eterno, tra la presenza e l’assenza.

Poche parole danno inizio ad una ritualità ricca di simbologie ebraiche, appartenente al mondo dell’autore/regista.

I riti della collettività si traducono in atto teatrale, mediante gesti, azioni, danze geometriche ineccepibili per attraversare l’esperienza della perdita.

 

Lungo un grande tavolo bianco, luogo di incontro della famiglia, l’addio si dipana in azioni ironiche, crude, apparentemente prive di sentimento, dove una coralità matematica declina le sfumature del distacco.

Eppure l’essenza di chi si congeda resta nell’aria, nei giochi indelebili, nel modo di sentire e nell’eco che risuona attraverso il respiro di chi resta.

 

Ne “L’amore capovolto” neppure la sepoltura è poi così definiva, è possibile contrattare ancora qualche minuto insieme per rivedere, ribaltare e gridare con coraggio le ferite mai risolte.

Il prima e il dopo, il possibile e l’impossibile, fare bene e fare male non sono poi così distanti; fuori dal tempo e dall’idealizzazione, l’amore più profondo è sempre capovolto.



domenica 13 dicembre 2020


IX Premio Internazionale Valenza Jazz 2020

valenzateatro-jazz
Il Premio Valenza Jazz è arrivato alla nona edizione, ottenendo un significativo rilievo
nel settore jazzistico nazionale.

La Commissione Artistica, negli anni passati, ha assegnato il premio a valenti
musicisti, conosciuti nel panorama internazionale del jazz, consacrandone l’arte e il
prestigio.

In particolare ha scelto nel 2012 Dado Moroni, nel 2013 Fabrizio Bosso, nel 2014
Paolo Fresu, nel 2015 Gegè Telesforo, nel 2016 Rossano Sportiello, nel 2017 Stefano
Bagnoli. Nel 2018 il riconoscimento è andato al sassofonista americano Scott
Hamilton e nel 2019 al fenomenale organista inglese Brian Auser, amato anche nel
mondo rock e pop.

Anche quest’anno il premio verrà consegnato nella serata speciale del 13 dicembre al
Teatro Sociale di Valenza con il concerto nel quale si esibirà l’artista premiato.
Il premio consiste in un oggetto espressione dell’arte orafa valenzana.

La serata sarà, anche, l’occasione per ascoltare il concerto di una formazione
speciale, la “Three Generation Orchestra”, composta da tre generazioni di musicisti,
dai 16 agli 82 anni, insieme a due jazzisti della città di Valenza.









sabato 19 dicembre 2020

 

Trio Trioche

valenzateatro-apre

Troppe Arie

di Rita Pelusio, Silvia Laniado
Franca Pampaloni, Nicanor Cancellieri
con Franca Pampaloni pianoforte
Nicanor Cancellieri flauto traverso
Irene Geninatti Chiolero soprano lirico

consulenza artistica e musicale Luca Domenicali
produzione PEM Habitat Teatrali

nell'ambito della rassegna Concentrica

Una vecchia zia, dal glorioso passato nella musica, gira i palchi dei teatri di tutto il mondo in coppia con il Nipote, talento in erba.

 

Quindi è un duo?

 

No, perché c'è anche Norma, la giovane Badante della vecchia zia, che li travolge con la sua passione per la lirica costringendoli ad abbandonare il repertorio classico.

 

Le arie d'opera più famose vengono interpretate in modo bizzarro e divertente, accompagnate dal pianoforte, dal flauto e dai mille oggetti che Norma s'inventerà di suonare.

 

Tra musica classica e virtuosismi, gioco di ritmi e gags, Troppe Arie coinvolge il pubblico con tutta la sua potenza di spettacolo clownesco.

 

L'improbabile trio nato dall’esigenza di utilizzare un linguaggio  in cui si fondono il teatro fisico, il clown e il virtuosismo vocale e strumentale.

E’ interpretato da tre veterani del concerto comico, Franca Pampaloni al pianoforte, Nicanor Cancellieri al flauto traverso e Irene Geninatti Chiolero soprano lirico.

APRE 2020 - Ottobre Novembre Dicembre

NEWSLETTER

Per rimanere aggiornati su tutte le novità riguardante: spettacoli, comunicazioni, corsi, cinema e tanto altro, è sufficiente cliccare su "Subscribe" ed inserire il vostro nome seguito dall'indirizzo mail per poi confermare la spunta sotto.

Subscribe

I agree with the Terms and Conditions and the Privacy policy